Le interviste: nuovi atleti in UNI.Team

Intervista ad Alberto Bucci, coordinatore del Progetto UNI.Team

Nuovi atleti in UNI.Team!

Alberto Bucci è coordinatore del Progetto UNI.Team. Fondatore dello studio Commerciale A.L.B e presidente dell’ASD Dolomitica Nuoto CTT è stato in passato atleta agonista di discreto livello prima nel nuoto e poi nel triathlon.

É partito il nuovo anno di UNI.Team. Come è questo avvio 2011-2012?

Il bando per il nuovo anno è stato un successo, in parte atteso, grazie all’ottimo lavoro svolto durante il primo anno da parte di tutto lo staff e degli studenti/atleti.
Un lavoro virtuoso che ha portato i ragazzi a raccogliere importanti risultati centrando gli obiettivi prefissati. La genuinità del Programma e il lavoro di comunicazione hanno fatto si che pervenissero oltre 30 richieste da tutta Italia da parte di neo-diplomati per poter entrare a far parte del Programma UNI.Team.

Come è formata ora la squadra?

Ai ragazzi della prima stagione, si aggiungono gli atleti scelti dopo aver attentamente valutato le nuove richieste pervenuteci. La squadra per il 2012 sarà formata da Andrea Pederzolli, Tommaso Pavan, Lorenzo Brigadoi, Bruno Aor, Elisabetta Aor, Andrea Mambuca, Giada Zamboni, Gianluca Pozzatti, Alessandro Paluselli, Michele Zorzi, Paolo Soresina e Ilaria Zane.

Cosa vuol dire essere membro di UNI.Team?

Essere membro del Programma UNI.Team penso possa equivalere a essere un privilegiato.
La realtà italiana non offre opportunità concrete per conciliare studio e sport di alto livello; spesso, questo, comporta l’abbandono di una delle due attività da parte dei ragazzi in un momento fondamentale della loro vita per la crescita e la maturazione.
Il Programma UNI.Team fa si che studio e sport siano attività complementari utili alla formazione dei giovani, in un’ottica di miglioramento e sviluppo non solo economico ma della società.
Il Programma offre agli studenti/atleti che gareggiano sotto i colori del CUS Trento una serie di agevolazioni quali l’alloggio a costo agevolato, spazi riservati e gratuiti per gli allenamenti, materiali in uso per gli allenamenti e le gare, iscrizioni e trasferte alle competizioni, tutor sportivo, staff tecnico, test di valutazione e stage di allenamento.
I ragazzi devono mantenere un alto tasso di impegno per continuare a far parte del Programma ed essere premiati grazie a un’importante sistema di valutazione che tiene conto dei risultati agonistici, della media voto e del numero dei crediti formativi ottenuti, del comportamento e dell’atteggiamento nei confronti dello staff, del gruppo e degli impegni programmati.

Cosa deve fare chi vuole partecipare a UNI.Team?

Nella tarda primavera dovremmo uscire con i nuovi bandi. Consiglio quindi tutti gli studenti delle scuole superiori di tenere d’occhio le pagine sul sito di UNI.Sport dedicate ad Uni.Team

Intervista ad Alberto Bucci, coordinatore del Progetto UNI.Team