Le interviste: dicembre 2011

Intervista a Luca Gretter - responsabile del Centro volo a vela dell’Università di Trento presso l’aeroporto G. Caproni di Mattarello.

Gli abbiamo chiesto di parlarci del centro e delle opportunità che offre agli studenti.

Che cos’ è il Centro di Volo a Vela di Mattarello?

Il centro di volo a vela di Mattarello si propone come  luogo di incontro, di aggregazione e di avvicinamento all’esperienza del volo… andando oltre quello che è un aeroporto nell’immaginario collettivo: una zona di difficile accesso, chiusa all’interno di recinzioni che lasciano solo guardare i velivoli da lontano.
L’Università di Trento è l’unica in Italia titolata ad avere una scuola di volo a vela, per  formare piloti ed emettere un vero brevetto aeronautico ministeriale da parte dell'ENAC (Ente nazionale Aviazione Civile), una specificità che le altre università non hanno.

Un’opportunità non comune dunque per gli studenti dell’Ateneo…

Si, gli studenti  dell’Università di Trento hanno la possibilità di avvicinarsi al volo a vela in mezzo a campioni certificati, oltreché recordmen nazionali. La sezione agonistica  volo a vela di Mattarello del CUS Trento  è campione d’Italia nel Campionato Italiano Distanza. Inoltre quest’anno i nostri atleti hanno conquistato 5 record nazionali, di cui uno è stato ottenuto da una donna. Infine in 3 categorie su 4 deteniamo il titolo di campione italiano individuale.

Quanto tempo ci vuole per imparare a volare e acquisire il brevetto di volo a vela?

Presso il nostro centro, ogni percorso è personalizzato, non esiste un inizio e fine corso… anche se esistono ovviamente dei passaggi obbligati, che però possono essere raggiunti con tempi diversi da ognuno. Per poter accedere all’esame ministeriale è necessario aver effettuato almeno quattro ore di volo da solista, a cui si arriva generalmente dopo una decina di ore in volo a doppio comando. Il corso comprende lezioni teoriche - tra cui radiofonia, meteorologia, strumentazione e dinamiche del volo - e le missioni di volo.

Il 15 e 16 ottobre presso il centro si è svolta la manifestazione “Porte aperte al volo a vela”… Un bilancio dell’iniziativa?

In due giorni siamo riusciti a far volare 96 persone (a fronte di 160 domande pervenute): 25 erano di persone che avevano già volato lo scorso anno ed alcune si sono tradotte in iscrizione al corso di volo a vela. Sono state due giornate molto piacevoli e partecipate, favorite anche da un bellissimo sole.
Durante l’evento abbiamo inoltre avuto l’onore di ospitare il capitano dell’aeronautica militare Francesco Dante, che ha ottenuto il suo primo brevetto di volo presso la scuola del CUS Trento. Insomma un grande successo per un’esperienza che credo ripeteremo ancora nel corso del prossimo anno.

Intervista a Luca Gretter, responsabile del Centro volo a vela dell’Università